Archives for category: grunge

PNP cover_3

È finalmente in edicola e disponibile nelle sue diverse versioni on-line il numero 3, settembre 2014, di Plug n’ Play, trimestrale di culturale musicale edito dalla Salvioni Edizioni di Bellinzona. Nel numero che ha in copertina Andy Summers, ricchi servizi dedicati a Louis Armstrong e al jazz di New Orleans, alla musica rinascimentale, all’ultimo capolavoro del grunge dei Soundgarden, Superunknown (con foto inedite di Matteo Ceschi) e, udite, udite, una speciale rubrica dedicata ai piatti favoriti dalle star del mondo del rock: per cominciare Jimi Hendrix. Tra le interviste quella al chitarrista dei Police e una in esclusiva agli Spin Doctors. Non mancano i consueti tutor didattici e foto esclusive per rendere ancora più piacevole la lettura.

Advertisements

Image

 

Image

Primi di giugno tempi di ricorrenze storiche (lo sbarco in Normandia) e di novità. INDIEce in occasione dell’inizio dell’estate stringe una nuova partnership con i Blues Cave Studio, nuovissima realtà del mixing analogico, nata dalla coraggiosa iniziativa e dalla passione di Daniele Cocca. La collaborazione, inaugurata da una grafica ad hoc, ha come scopo principale quello di diffondere nell’ambito della discografia indipendente la passione per quei mix, definiti dallo stesso Cocca, “ad alto potenziale emotivo”, e si concretizzerà nel giro dei prossimi mesi in almeno un’iniziativa che regalerà a un fortunato artista o a un’altrettanto fortunata band emergente la possibilità di saggiare in prima persona la potenza del mix analogico realizzato con macchine vintage.

https://www.facebook.com/pages/Blues-Cave-Studio/520896274702635?fref=ts

Image

PERCHÉ I GONZALO: Da Pordenone, terra di confine aperta alla contaminazione, arriva il folk post-grunge dei Gonzalo. Il sound acustico e minimalista – ma mai lo-fi – aiuta la band ad agguantare con estrema facilità e a fare propri gli schemi e i codici linguistici del musica pop. Nel passaggio obbligato della melodia, i sei brani di Labors acquisiscono una propria struggente identità che fa del continuo confronto/scontro tra passato e presente un’indispensabile chiave di lettura del mondo e della musica. Una voce à la Kurt Cobain riaccende per forza di cose gli entusiasmi malinconici dell’album Unplugged MTV.

GONZALO, Labors, Seahorse Recordings 2014

https://www.facebook.com/gonzaloacoustic

http://www.seahorserecordings.com/site

Image

PERCHÉ I SOUNDSICK: Siatene certi, al crocevia tra rock, punk-wave, sonorità psichedeliche, e grunge troverete il power trio onnivoro che risponde al nome di Soundsick! Tutto in questo disco possiede una presenza importante e spesso suona massiccio ma, a dire il vero, non mancano variazioni che spingono la trama melodica in direzione di una nebbia colore porpora che tutto deve alla fortunata esperienza degli anni Sessanta. Un “viaggio”, stando alle parole della band e rimanendo vicini a delle buone sostanze psicotrope, in cui tre voci suonano all’unisono come un unico strumento e contribuiscono ad aumentare il wall of sound. Virali come i Tool, abrasivi come i Soundgarden e poetici come Cure.

SOUNDSICK, Astonishment, Seahorse Recordings 2014

https://it-it.facebook.com/soundsickofficial

http://www.seahorserecordings.com/site

Image

PERCHÉ GLI ECOLE DU CIEL: Un noise rock dalle spontanee derive post-grunge e stoner permette alla band barese di apparecchiare una ricca tavola che non prevede limiti al gusto e alla sperimentazione. L’idea è quella di ricondurre il tutto ad un nucleo originale e nel farlo di prendere a prestito qua e là suggestioni sonore passeggere, poco importa se ispirate al pop o al sincretismo del più rockeggiante Tricky. L’intuizione paga!

ECOLE DU CIEL, Heartbeat War Drum, already dead tapes&records 2013

https://www.facebook.com/heartbeatwardrum?fref=ts

http://www.rockit.it/ecoleduciel

http://www.alreadydeadtapes.com

Image
PERCHÉ I MADBOX: Da Milano il grunge abrasivo e a tratti acido dei Madbox rivitalizza un filone sonoro mai realmente morto. Nella tracklist di Perfect Things non mancano trascinanti momenti funk stile primi RHCP che infondono a questo lavoro d’esordio una maggiore varietà rendendolo facile anche per il grande pubblico. Produzione convincente e senza sbavature nel segno di Seattle.

MADBOX, Perfect Things, 2013

http://madbox.bandcamp.com/album/perfect-things

http://www.facebook.com/madboxband