Archives for posts with tag: 1970s R&B

Bilal_05 easy
Bilal, Biko, Milano, 1 novembre 2014

Non erano ancora svaniti nell’etere i vapori stregati di Halloween, che Bilal, soul singer di Philadelphia, già collaboratore di Common, Erykah Badu e Roots, intonava i primi vagiti nu-soul sul suolo italiano. Una voce calda, profonda e capace di spingersi con autorevole dolcezza verso il corpo sudato del funk, ha agitato la platea del Biko di Milano, indirizzando il pubblico talvolta verso la classicità di Donny Hathaway, altre spingendolo tra le braccia invitanti del migliore Prince degli anni Ottanta (Bilal sul palco ha le movenze e l’attitude tipica del genio di Minneapolis). L’unica data italiana del tour europeo di Bilal se da un lato è stata un’occasione per fare conoscere le ultime composizioni dell’album A Love Surreal, quarto album di una fortunata carriera, dall’altro ha proposto un ensemble (basso, batteria, chitarra e tastiere) non solo in grado di giocare all’interno dei singoli brani con i classici standard soul-funk ma anche di trarre da essi estemporanee ispirazione per gustose divagazioni sonore (che, per fortuna, non hanno risentito eccessivamente di un impianto sonoro non sempre all’altezza). Per chi fosse stato digiuno di black music, lo show notturno di Mr. Oliver ha offerto un perfetto distillato in grado di rilanciare le speranze musicali di fan e neofiti del genere. Voto: 8/10.

 

Image

 

Image

Primi di giugno tempi di ricorrenze storiche (lo sbarco in Normandia) e di novità. INDIEce in occasione dell’inizio dell’estate stringe una nuova partnership con i Blues Cave Studio, nuovissima realtà del mixing analogico, nata dalla coraggiosa iniziativa e dalla passione di Daniele Cocca. La collaborazione, inaugurata da una grafica ad hoc, ha come scopo principale quello di diffondere nell’ambito della discografia indipendente la passione per quei mix, definiti dallo stesso Cocca, “ad alto potenziale emotivo”, e si concretizzerà nel giro dei prossimi mesi in almeno un’iniziativa che regalerà a un fortunato artista o a un’altrettanto fortunata band emergente la possibilità di saggiare in prima persona la potenza del mix analogico realizzato con macchine vintage.

https://www.facebook.com/pages/Blues-Cave-Studio/520896274702635?fref=ts

Image

PERCHÉ THE DEAR HUNTER: Un rock morbido dalle composte derive classiche e folk che sa mantenere una propria ruvida identità senza scadere nei manierismi del progressive si nutre della voce soul del suo fondatore, quel Casey Crescenzo già animatore dei The Receiving End of Sirens. Il risultato sul palco e in cuffia è uno strano connubio tra i Band of Horses, i Kansas e il migliore sound californiano dei Seventies che sfugge, proprio per le sue radici, a scontate definizioni e catalogazioni. D’altronde non potrebbe essere altrimenti visto che il band leader Crescenzo è nato e cresciuto ai mitici Record Plant Studios di Suasalito.

THE DEAR HUNTER, Migrant Reprise, Rude Records/Equal Vision Records 2014

http://thedearhunter.com

https://www.facebook.com/therealTDH

http://www.ruderecorz.com

http://www.equalvision.com

Image

PERCHÉ LIZ VICE: Dall’Oregon una delle voci più fresche e interessanti del panorama soul. Liz Vice, che è cresciuta a pane, gospel & soul, prosegue la tradizione delle grandi lady come Odetta affidandosi alla propria incredibile e calda ugola e a quell’ispirazione divina che nel soul, e solo nel soul, trova le simpatie e l’approvazione anche dei numerosi non-credenti. Il disco suona come pochi negli ultimi dieci anni svelando un gusto semplice ma allo stesso tempo squisitamente attento per il ritmo e la melodia. A Liz non rimane che intonare le prime note per “convertire” alla sua visione canora nuovi proseliti. Tutte le canzoni, tranne due, sono scritte da un’altra grande artista delle Deeper Well, il folk singer Josh White.

ENGLISH: From Portland, Oregon, one of the most fresh and exciting voices of contemporary Soul music. Liz Vice, who grew up deep in gospel & soul, continues the tradition of the great soul ladies like Odetta relying on her incredible warm voice and the typical spiritual inspiration of soul to gain the sympathy and approval even of the many non-believers – that’s the magic of soul music. The album sounds like few others in the past decade, revealing a simple taste but at the same time an exquisite attention & love for rhythm & melody. It’s all about singing for Liz, and it takes her just a couple of notes to “convert” new followers to her vision. All the songs, except two, are written by another Deeper Well great artist, folk singer Josh White.

LIZE VICE, There’s a Light, Deeper Well 2013-14

http://deeper-well.com/artists/liz-vice

https://www.facebook.com/LizViceMusic

Free download: http://noisetrade.com