Archives for posts with tag: UK independent musicians

Free Nelson_easy

PERCHÉ I FREE NELSON MANDOOMJAZZ: Non ci si stancherebbe mai di ascoltare il trio scozzese. Non importa se a venire suonati siano standard classici del jazz o dell’hard rock come nel caso del precedente lavoro The Shape Of DoomJazz To Come/Saxophone Giganticus o brani creati per l’occasione. L’impressione costantemente piacevole che si ha è comunque quella di assistere a qualcosa che possiede una forte volontà sonora di discostarsi dalla massa omogenea e uniforme del panorama contemporaneo. Con in testa le divagazioni aperte del free jazz, l’ensemble affronta con Awakening Of a Capital la prova della contemporaneità adottando l’arguzia di Archie Shepp e Sun Ra e la potenza disturbante dei Black Sabbath delle origini. The Stars Unseen – ammettiamo che il titolo suona molto come un manifesto di intenzioni artistiche – è un brano spontaneamente profetico che invita chi vi pone sopra l’orecchio a riconsiderare le geometrie e i confini dello spazio sonoro: le note sono libere di viaggiare trasportate dal vento solare e perdono qualsiasi vincolo con la concretezza del passato, qualunque esso sia stato e comunque esso abbia suonato. I Free Nelson MandoomJazz si dimostrano ancora una volta una band incombente & imminente di cui presto non potrete più fare a meno e al cui servizio vi schiererete con diligente fedeltà.

Free Nelson MandomJazz, Awakening Of A Capital, RareNoiseRecords 2015

https://www.facebook.com/freenelsonmandoomjazz

http://www.rarenoiserecords.com

Image

PERCHÉ I FENECH-SOLER: Scoperti da Alan Braxe, collaboratore dei Daft Punk, i giovani inglesi propongono un alternative rock dalle infinite sfumature elctro-dance-soul che non ha paura di esplorare il panorama internazionale alla ricerca di spunti per confermare la loro innata vocazione pop(ular). I puristi storceranno il naso – questo lo hanno messo in conto i diretti interessati – ma ai fini del risultato finale le scelte operate per la realizzazione di questa opera prima sono decisamente soddisfacenti e non faticheranno a trovare, a partire dai caldi mesi estivi, il gradimento di un pubblico destinato a crescere con il tempo. La musica, lo hanno capito benissimo i quattro di Newcastle, nasce e continua a crescere per favorire i momenti di aggregazione e di divertimento.

FENECH-SOLER, Glow EP, SO Recordings 2014

http://fenechsoler.co.uk

https://www.facebook.com/fenechsoler

http://sorecordings.com

FREE DOWNLOAD: http://noisetrade.com

Image

PERCHÉ BOY JUMPS SHIP: Frizzanti quel tanto da suonare un pizzico “californiani” pur venendo dal nord dell’Inghilterra. I Boy Jumps Ship allungano la loro ombra sul panorama indie d’oltremanica e si apprestano, con l’ardore di nuovi crociati, a passare lo stretto braccio di mare per arrivare sul continente con tutta la loro carica di massive rock. Un sound diretto e graffiante dalla spiccata coralità ma al tempo stesso capace di mantenere una profonda affezione per la melodia – ecco rispuntare con piacere la California – spinge questo EP d’esordio a una forma musicale che per stessa ammissione del quartetto di Newcastle Upon Tyne ama prendere con un gioioso atteggiamento “un po’ qua e un po’ là”. L’ispirazione è solo l’inizio, il risultato è ben altra (e più entusiasmante) cosa.

BOY JUMPS SHIP, Lovers & Fighters EP, Rude Records 2014

http://www.boyjumpsship.co.uk

https://www.facebook.com/boyjumpsshipmusic

http://www.ruderecorz.com

http://www.kerrang.com/16384/boy-jumps-ship-release-new-single-still-alive