Archives for posts with tag: rock ‘n’ roll

The Minutes

PERCHÉ I MINUTES: Il rock, se vuole mantenersi giovane, deve essere scanzonato e un po’ cazzone. E questo gli irlandesi Minutes sembrano averlo capito molto bene visto che il loro secondo album suona decisamente in questa direzione: Live Well, Change Often è, infatti, quel tanto sferragliante, chiassoso e arrogante da vincere le residue resistenze e spingere l’ascoltatore fin nel palco d’onore del Rock Dome. Senza inventare nulla di nuovo il power trio si muove agilmente in un territorio sonoro che trova nei T-Rex e nei compatrioti Thin Lizzy i punti di riferimento per non perdere la bussola e gestire con una certa sicurezza l’esuberanza. Non ci si sorprenda quindi di passare da pezzi decisamente aggressivi e duri come Hold Your Hand ad altri più morbidi, ma certo non meno rock, come Outlaws, brano che riaccende il ricordo del primo Bryan Adams. Nell’attuale desolante paesaggio della discografia, sicuramente i Minutes meritano cinque minuti della vostra attenzione. Se poi sarà amore, saranno fatti musicali vostri…

THE MINUTES, Live Well, Change Often, Model Citizen 2014-15

http://theminutesmusic.com

http://modelcitizenrecords.bandcamp.com

screamin_jay_hawkins

Quale migliore artista a rappresentare l’imminente “notte delle streghe” se non Screamin’ Jay Hawkins con la sua classica I Put a Spell on You? Ve lo proponiamo in un filmato d’epoca del 1966 al Merv Griffin Show. PAUROSO!!!

Benjamin Booker_by Max Norton_easy

PERCHÉ BENJAMIN BOOKER: Un rock and roll che ha le sue radici più profonde in Chuck Berry incontra in un’incredibile esplosione di energia sonora i Beatles di Revolver, l’estro incompreso dei T-Rex, il Dylan più “trasandato” e il soul di Sam Cooke. Ne scaturisce una bolla di splendente passato in un presente grigio e dalle ancora più scure prospettive per il futuro. A Benjamin Booker, classe 1989, non manca certo il coraggio di aggiungere a questo già incredibile amalgama un gusto post-grunge/garage molto contemporaneo che lo avvicina per l’azzardo creativo – se lo ascolterete non potrete che condividere questa opinione – a Jack White. A ciò aggiungete una voce quel tanto rude & ruvida da suonare piacevolmente imperfetta e dimenticherete presto quanto ascoltato nell’ultimo anno solare. Concedete a questo giovane cantautore rock adottato da New Orleans un’occasione. Non ne rimarrete delusi.

BENJAMIN BOOKER, Benjamin Booker, Rough Trade 2014

http://www.benjaminbookermusic.com

https://www.facebook.com/benjaminbookerNOLA

http://www.roughtraderecords.com