Archives for posts with tag: Lazio music scene

Image

PERCHÉ I VELVET: Un sound cosciente che strizza più di un occhio alle sonorità degli anni Novanta trovando, senza, però, perdere virilità, una nuova e naturale forma a un contenuto per lo più già noto, il rock. I riferimenti in Italia e all’estero sono molteplici: a partire dai Subsonica per finire con i camaleontici Kasabian, la band che forse più di tutte le altre sembra avere guidato questo ennesimo cambio di pelle del quartetto capitolino. Un esempio perfetto dell’eclettico mimetismo dei Velvet è Scrivimi quello che fai, brano 3.0 impreziosito dalla tromba di Fabrizio Bosso (questa volta in stile Terence Blanchard), in cui presentimenti di electro-dance contaminano l’originaria matrice in direzione di una concezione assolutamente plastica della musica.

VELVET, Storie, Cosecomuni 20124

https://it-it.facebook.com/velvetcosecomuni

https://it-it.facebook.com/cosecomuni.recording.studio

Image

PERCHÉ LEO FOLGORI: Se mai avete pensato a una colonna di un’ipotetico e romantico spaghetti western 2.0, allora l’esordio di Leo Folgori potrebbe fare al caso vostro. Una sensibilità che per certi versi ricorda De Gregori sorregge dodici tracce che hanno l’ambizione di ritrovare un senso comune per la musica contemporanea nel solco di una ricca e variegata tradizioni di musici e cantautori. Nelle dodici tracce la melodia e le parole trovano il coraggio di sfidare a duello la schizofrenia e la contraddittorietà della società contemporanea per difendere l’onore del buono e del giusto e, forse, per salvare anche il cattivo.

LEO FOLGORI, Vieni via, Beta Produzioni/Marte Label/Believe Digital 2014

http://www.leofolgori.it

https://www.facebook.com/LeoFolgoriOfficial

http://www.martelabel.com

Image

PERCHÉ I LEGITTIMO BRIGANTAGGIO: Un folk-rock sgangherato che talvolta ama schernire la rudezza dello stoner spinge la band laziale ad abbracciare una nuova dimensione del cantautorato che non guarda in faccia nessuno e ha come obiettivo ultimo quello di strapparsi di dosso schemi e generi sonori. Detto così potrebbe sembrare un azzardo, un bell’azzardo a ben vedere, che vale comunque la pena di correre se si vuole, almeno per un istante, provare a dare decisa svolta alla musica all’opprimente criterio di omologazione fatto passare da televisioni e radio.

LEGITTIMO BRIGANTAGGIO, Pensieri Sporchi, Cinico Disincanto 2014

http://www.legittimobrigantaggio.com

https://www.facebook.com/pages/LEGITTIMO-BRIGANTAGGIO-official-page/350578707294

http://www.cinicodisincanto.it