Archives for posts with tag: Italian jazz

Image

PERCHÉ CESARE MALFATTI: un disco rarefatto, a tratti quasi sussurrato, concepito per esaltare ogni minima sfumatura pensata e suonata dal suo autore. L’approccio è decisamente jazz ed eclettico nella misura in cui tutto sembra scaturire e prendere lentamente ed ordinatamente forma da una sorniona turbolenza anarchica. Scorie sonore sfuggono momentaneamente qua e là al controllo della musica per poi essere all’occasione richiamate verso di essa per dare maggiore profondità a impressioni e sentimenti in via di definizione. Malfatti compone e canta nel solco della tradizione della poesia di Nick Drake.

CESARE MALFATTI, Una mia distrazione + 2, Adesiva Discografica 2014

http://cesaremalfatti.blogspot.it

https://www.facebook.com/pages/Cesare-Malfatti-Musica/177868545562464

http://adesivadiscografica.it

http://www.libellulamusic.it

Image

PERCHÉ MASSIMO COPPOLA: Un album libero e ostinatamente ispirato a quell’idea di fusion che ha fatto della sensibilità pop una ragione di vita. I riferimenti sono molteplici e appartengono tutti agli anni Ottanti: Tears for Fears, Prefab Sprout, il primo Sting solista per finire con Sade. Proprio perché forte di questi riferimenti, Massimo Coppola riesce a infondere al lavoro un gusto personale – pur mantenendo però sempre ben ferma l’idea di rendere omaggio a un decennio troppo frequentemente bistratto dal punto di vista musicale – anche quando entra nel campo minato delle cover come in occasione di Pale Shelter scritta appunto da Roland Orzabal and Curt Smith.

MASSIMO COPPOLA, Sinceri oroscopi, Silent Groove 2014

https://it-it.facebook.com/massimo.coppola1

https://www.facebook.com/sincerioroscopi

http://www.silentgroove.com

Image

PERCHÉ PIETROPAOLI & VITERBINI: Il duo – double bass e chitarre – rende chiaro fin da subito l’aggettivo “primitivo” utilizzato nel titolo. Nell’inebriante carosello delle cover Pietropaoli e Viterbini optano per un ritorno alle radici e alla semplicità spogliando i brani di tutti quegli elementi belli ma “sacrificabili”. I brani, così ridotti all’osso, rivivono in una seconda pelle e riaccendono le passioni e i sentimenti dell’atto creativo. Nessuno, per nostra fortuna, viene risparmiato, nemmeno Black Hole Sun, inno generazionale dei Soundgarden. Un’operazione così ardita ricorda molto il Miles Davis degli anni ‘80s.

ENZO PIETROPAOLI & ADRIANO VITERBINI, Futuro Primitivo, Egea 2013

http://www.enzopietropaoli.com

http://www.adrianoviterbini.it

http://www.egeamusic.com

Image

PERCHÉ CARLONE, LI CALZI, RIGHEIRA: Progetto che sa unire la vocazione inclusiva del pop italiano con l’improvvisazione del jazz e la complicità intangibile dell’elettronica. Gian Luigi Carlone della Banda Osiris, il trombettista Giorgio Li Calzi e un sempreverde Johnson Righeira danno vita a una situazione sospesa tra nostalgia di un passato canoro nostrano mai realmente passato e la tensione tutta irrisolta di un futuro solo a tratti presente. Sarebbe riduttivo definire le 13 tracce semplici cover.

CARLONE, LI CALZI, RIGHEIRA, Italiani, Disastro Records 2013

http://www.carlonelicalzirigheira.com

http://www.giorgiolicalzi.com

http://bandaosiris.it

https://www.facebook.com/pages/Johnson-Righeira/60095113826

http://www.disastrorecords.com

Image

PERCHÉ BONNOT, TRACANNA E CECCHETTO: Il beatmaker degli Assalti Frontali stringe nuovi legami nel mondo del jazz. Per il progetto Drops si fa affiancare dal sassofonista Tino Tracanna e il chitarrista Roberto Cecchetto ma non dimentica Paolo Fresu. Le tracce dell’album spaziano dalla dub all’hip-hop passando per l’imprevedibilità della world music mantenendosi sempre aggrappate al groove imbastito da Bonnot e ai fraseggi di Cecchetto. Non si può non citare Mercedes Casali, voce in ben quattro tracce.

BONNOT, TRACANNA, CECCHETTO, Drops, Bonnot Music 2013

http://www.bonnot.it/site

https://www.facebook.com/pages/Bonnot/104038019114

http://www.tinotracanna.com

https://myspace.com/robertocecchetto

http://www.paolofresu.it

Recensione su Musica & Dischi, maggio 2013
(http://musicaedischi.it)