Image

PERCHÉ I BASTARS SONS OF DIONISO: Un rock che, a prescindere dalla parentesi televisiva di qualche anno fa, rimane inesorabilmente legato alla terra e alle tradizioni che lo hanno partorito in nome di un’ostinata indipendenza artistica. Il trio trentino, infatti, si erge orgoglioso di fronte al pubblico invitando tutti a partecipare alla scalata di vette canore e sonore inviolate. L’altitudine non sembra intimorire i TBSOD, tanto meno farli desistere dalle loro intenzioni: colpire con un energico e vitaminico groove stile Green Day per poi rapire i superstiti dell’attacco con trame melodiche e intrecci vocali che sanno molto di California Sound anni Settanta. Bugo, autore di una canzone, e lo Gnu Quartet, gli ospiti di un album destinato a non passare inosservato. P.S. Da non perdere per nessuno motivo Precipito, un piccolo gioiello “alpino” eseguito insieme al Coro Costalata.

THE BASTARD SONS OF DIONISO, The Bastard Sons of Dioniso, LP&Friends/Fiabamusic 2014

http://www.tbsod.com

https://www.facebook.com/TheBastardSonsOfDioniso.official

https://www.facebook.com/fiaba.musica