Image

PERCHÉ I COTONE DI FUKUSHIMA: Si definiscono “un progetto di improvvisazione atonale e rock sperimentale” e lo fanno consapevoli dell’eventualità di stupire quanti si sintonizzeranno all’ascolto. Armati di coraggio artistico, chitarra elettrica, batteria e di quant’altro sia loro capitato a tiro, Carlo Saiu e Stefano Muscas danno vita all’esperimento totale di musica casserole. Raramente il trend noise è stato così vicino alla sensibilità e al gradimento dell’orecchio.

IL COTONE DI FUKUSHIMA, Scie, 2013

http://ilcotonedifukushima.bandcamp.com

https://www.facebook.com/pages/Il-Cotone-di-Fukushima/1386647218215817